Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 

SOUL MAJESTIC

 

La bellezza di un luogo è data anche dalle persone che lo abitano

Storia. Cultura. Amore per l’arte e la natura. Tutela del paesaggio, empatia con il territorio. Invito a scoprire, assaporare, gustare e rallentare. Il Majestic non è solo un grande hotel, ma possiede anche una grande anima.
Sobria e pulita, placida e cristallina come le acque del lago in cui si affaccia.
Questa è l’anima del Grand Hotel Majestic. Questione di sensibilità. Questione di apertura. Provate a immaginare: Lago Maggiore, Sardegna, Bhutan. E lasciatevi trasportare dalle fluide sonorità di Gavino Murgia, che proprio qui, in una delle sale dell’hotel ha suonato con il suo trio. Non è stato un semplice concerto a scopo benefico, ma il punto di partenza di un progetto che vuole promuovere la musica tradizionale sarda in Bhutan e viceversa. E che si concluderà l’anno prossimo, in occasione dell’EXPO, con una serie di concerti, alcuni dei quali si auspica possano essere realizzati sull’Isola Madre.

Al centro di queste iniziative c’è sempre una visione che è strettamente legata al territorio, inteso come un concetto etico, un’esperienza da vivere in modo completo. Non è un caso che il Majestic sia affiliato a Legambiente, la più importante associazione ambientalista italiana. Non è un caso che faccia parte del progetto Save the Food, iniziativa che mira a ridurre gli sprechi alimentari. Non è un caso che condivida i principi di Slow Food, un movimento di pensiero ormai più che un’associazione, in cui al centro è posta la lentezza in contrasto con il mordi e fuggi, il consumo esasperato e superficiale, l’incapacità di fermarsi a scoprire la ricchezza di ciò che è locale, tradizionale e radicato da sempre nel territorio.

L’anima del Majestic è dunque un respiro ampio, in grado di contemplare e assecondare la bellezza dei luoghi in cui aleggia. E’ un invito rivolto al buon viaggiatore a scoprire le meraviglie che lo circondano. Caso mai scendendo dall’auto e salendo sulla bicicletta. O camminando a piedi verso le meravigliose montagne che si affacciano sul lago. Perché il Majestic non è solo una dimora di grande fascino, ma è un ottimo punto di partenza verso la scoperta di una regione affascinante come il Piemonte. L’Unesco ha appena riconosciuto le Langhe come patrimonio dell’umanità. Torino è una città che ha saputo rinnovarsi in modo egregio, e di paese in paese, o risalendo i corsi d’acqua verso le montagne è facile imbattersi nel bello e nel buono. Lasciatevi sedurre da tanta bellezza: l’effetto benefico è assicurato.

Nella foto: Gavino Murgia
Ritorna al Magazine
 


Share
 
Scritto da:
Grand Hotel Majestic, Redazione