Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 

MINESTRA di GAMBERI ROSSI

 
I gamberi rossi siciliani sono una delle eccellenze italiane, buoni crudi, scottati e cotti, qui lo chef Danilo Bortolin li propone in una minestra estiva, densa ma fresca, dal sapore deciso ma dolce, ideale per le cene estive. Ne esiste anche una versione con l’astice al posto dei gamberi, che trovate nel menu del Ristorante “La Beola” del Grand Hotel Majestic.
Ingredienti:

Gamberi Rossi
Brodo di Pesce
Pomodori Maturi
Pomodori a Cubetti
Ditalini di Pasta
Filetti di Mandorle
Cipolla
Cipollotto
Sedano
Funghi
Olio Extra Vergine di Oliva
Sale


Danilo Bortolin
Chef del Ristorante “La Beola” del Grand Hotel Majestic di Pallanza
“Inizio versando dell’olio di oliva in una casseruola, lo scaldiamo e facciamo rosolare le cipolla, cipollotto, sedano e funghi. E’ importante farle rosolare bene perché rilascino i loro sapori nella salsa. Quindi uniamo le teste dei gamberi, che mi raccomando devono essere molto freschi. Quando saranno belli rossi sfumiamo con del vino bianco – di cui faremo evaporare l’alcool – aggiungiamo i pomodori freschi ben maturi e copriamo con il brodo di pesce. Lascaimo cuocere 40 minuti e poi lo filtriamo spremendo bene le teste e i pomodori.

Adesso che abbiamo la salsa prepariamo la minestra.
Versiamo dell’olio extra vergine di oliva in un tegame con uno spicchio d’aglio a piacere – se lo lasciate intero, poi potrete toglierlo – soffriggo e verso la salsa. Quando arriva a bollore aggiungo la pasta e la cuocio come un risotto per i minuti indicati sulla confezione della pasta stessa. Gli amidi rilasciati durante la cottura serviranno a legare la minestra.

Quando la pasta è cotta la togliamo dal fuoco e togliamo lo spicchio d’aglio. Aggiungiamo il pomodoro in concassé, il basilico spezzettato con le mani e aggiungo il sale. Siamo quindi pronti per servirla. Nel piatto che abbiamo scelta versiamo la minestra. Chiudiamo il piatto con le mandorle tritate, un filo d’olio e un ciuffetto di basilico.”
Ritorna al Magazine
 


Share
 
Scritto da:
Danilo Bortolin, Chef