Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 

La Prima Cucina del Grand Hotel Majestic di Pallanza

 

di Cristina Pastore, La Stampa

Il nome è lo stesso del nonno, ma alla <francese>: Léonard. Il cognome è Fradelizio, uno dei più tipici di Trontano, paese ossolano sparso con le sue frazioni su un versante baciato dal sole all'imbocco
della valle Vigezzo. E’ nato ad Albertville in Savoia, da trent’anni abita a Copenhagen. Prima di arrivare in Danimarca ha però vissuto in Inghilterra e a Berlino. Ha 65 anni e da poco è in pensione. Per un lungo periodo si è dedicato alla fotografia. In precedenza – come lui stesso racconta – ha fatto un po’ di tutto, ma non il <fumista>, il mestiere che è stato per secoli una tradizione della sua famiglia. Suo nonno Leonardo è stato l’ultimo di una dinastia di maestri del buon funzionamento di stufe e camini. Un trisavolo –  Giovanni Battista Fradelizio – ai primi dell’Ottocento aveva l’esclusiva per
l’intervento nei castelli reali di Fontainebleu e si distinse per opere di beneficenza in favore dei compaesani di Trontano. Nonno Leonardo negli anni Venti del secolo scorso, dopo aver anche lui esercitato la professione in Francia, era tornato in Ossola per avviare un’impresa che divenne una
<griffe> nella costruzione di stufe. 

Le sue erano committenze importanti e passione del nipote danese, che trascorre le sue estati in una casetta ereditata nel borgo ossolano, è rintracciare i luoghi in cui il nonno realizzò lavori che non si
stentano a definire opere d’arte, come la stufa costruita per le cucine del Grand Hotel Majestic. Fornelli all’altezza delle esigenze degli chef che servivano una clientela esclusiva e internazionale, dietro ai quali si fece immortalare per utilizzare l’immagine come réclame della sua premiata ditta.
Una cartolina che il fotografo ossolano-danese ha ritrovato negli archivi di famiglia e che durante la scorsa estate, insieme alla compagna Dorte, ha voluto recapitare personalmente a Cristina Zuccari, titolare con la mamma Rosanna del grande albergo a Pallanza.

 
Ritorna al Magazine
 


Share
 
Scritto da:
Grand Hotel Majestic, Redazione