Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 

150 Troubetzkoy

 
E’ una mostra che segnerà la riapertura del Museo del Paesaggio, dopo 33 mesi di chiusura, quella che inaugura sabato 4 giugno a Verbania Pallanza, dopo una serie di importanti lavori che hanno restituito Palazzo Viani Dugnani alla città.
Troubetzkoy 150 presenta 150 opere selezionate dell’artista a 150 anni dalla nascita (Intra 1866) con un allestimento che racconta uno spaccato della Belle Époque europea, di quegli anni eleganti, mondani e modernisti interpretati dallo scultore verbanese che rimandano alla storia stessa di Pallanza, alla sua vecchia vocazione turistica, ai suoi alberghi del lungolago, ai personaggi che l’animavano.

Internazionale nel dna (nato a Intra da un principe russo, Pietro, e una cantante lirica statunitense, Ada Winas a 36 anni sposò una svedese, Elin Sundstrom), Paolo Troubetzkoy fu artista giramondo. Ancora giovane lo ritroviamo a Milano per una prima formazione documentata nella mostra da fotografie, documenti storici e opere, si trasferisce poi in Russia, ma negli anni anche a Parigi, ha uno studio a Londra e rieccolo ancora in Francia, dove vivrà fino alla morte, avvenuta nel 1938, alternando a soggiorni estivi nella Villa Cabianca, a Suna.

La mostra presenta i materiali e i soggetti da lui prediletti: eleganti figure femminili, delicati nudi, animali, ballerine e ritratti dal vivo, sculture leggere e quasi parlanti. Il segreto della leggerezza delle sculture di Troubetzkoy sta infatti nel lavorare materiali teneri come l’argilla, la cera modellata, il mastice con la stecca e utilizzare le sue dita insolitamente sottili e affusolate, lasciando nella materia malleabile delle pennellate colorite e piene di temperamento, che trasmettono l’essenza della sua natura psico-fisica e reagiscono in modo diverso alla luce. Famose sono le patinature dei suoi gessi - bronzo, giallo ocra, verde oliva – e la esclusiva tecnica di fusione a cera persa, unica, a suo parere, che riuscisse a mantenere tutti i particolari del manufatto originale.

Termina il percorso della mostra la parziale ricostruzione, realizzata partendo da alcune foto storiche in possesso del Museo, dell’amato studio francese di Troubetzkoy e dello studiolo di Suna, andato distrutto in un incendio.

150 TROUBETZKOY (1866 – 2016)
Museo del Paesaggio, Palazzo Viani Dugnani
Dal 4 giugno al 30 ottobre
Biglietti: intero 4 euro, ridotto 2.50 euro; scolaresche 1 euro.
Gratuito per disabili e un accompagnatore. Ingresso gratuito per i residenti a Verbania ogni prima domenica del mese e il martedì pomeriggio.
Orari: martedì-venerdì ore 11-18; sabato e domenica dalle 10 alle 19.
Ritorna al Magazine
 


Share
 
Scritto da:
Grand Hotel Majestic, Redazione